Sindrome delle faccette articolari

Panoramica

La sindrome delle faccette articolari √® una condizione simile all’artrite della colonna vertebrale che pu√≤ essere una fonte significativa di dolore alla schiena e al collo.¬†√ą causato da alterazioni degenerative delle articolazioni tra le ossa della colonna vertebrale.¬†La cartilagine all’interno della faccetta articolare pu√≤ rompersi e infiammarsi, innescando segnali di dolore nelle terminazioni nervose vicine.¬†Per gestire i sintomi possono essere utilizzati farmaci, terapia fisica, iniezioni articolari, blocchi nervosi e ablazioni nervose.¬†I sintomi cronici possono richiedere un intervento chirurgico per l’articolazione.

Anatomia delle faccette articolari

La colonna vertebrale √® costituita da una colonna di ossa mobili chiamate vertebre che si collegano tra loro. Ogni vertebra funziona come un complesso a tre articolazioni con un grande disco nella parte anteriore e due faccette articolari nella parte posteriore. Il design di questo treppiede √® robusto: mantiene le ossa unite insieme consentendo alla nostra colonna vertebrale di piegarsi e torcersi. Le sfaccettature sono articolazioni sinoviali rivestite di cartilagine, lubrificate con liquido sinoviale e coperte da una capsula articolare. Le faccette articolari sane scivolano mentre la schiena si muove, ma prevengono torsioni eccessive.

L'usura del disco e delle faccette articolari può causare dolore artritico, gonfiore e rigidità

Figura 1. La vista laterale della colonna vertebrale mostra un disco normale e una faccetta articolare (in alto). L’usura del disco e delle faccette articolari pu√≤ causare dolore artritico, gonfiore e rigidit√† (parte inferiore).

Cos’√® la sindrome delle faccette articolari?

Il dolore che proviene da una o pi√Ļ faccette articolari √® chiamato sindrome delle faccette articolari o artropatia delle faccette. I cambiamenti degenerativi nella colonna vertebrale possono far s√¨ che il peso del corpo si sposti in modo non uniforme sulle faccette articolari. Questo carico aggiuntivo provoca l’usura dell’articolazione e la modifica nel tempo: la capsula articolare si assottiglia, la cartilagine liscia si rompe e diventa irregolare come una strada di ciottoli cosicch√® possono formarsi speroni ossei (Fig.1). Simili all’artrite dell’articolazione del ginocchio, questi cambiamenti rendono difficile il movimento fluido dell’articolazione che reagisce infiammandosi e irritando. L’articolazione irritata invia segnali di dolore al cervello attraverso piccoli nervi nella capsula chiamati nervi sensoriali del ramo mediale (Fig. 2). A loro volta, i muscoli nell’area possono irrigidirsi e spasmi.

figura 2

Figura 2. L’articolazione irritata invia segnali di dolore al cervello tramite piccoli nervi nella capsula chiamati nervi sensoriali del ramo mediale

Quali sono i sintomi?

La degenerazione delle faccette articolari pu√≤ essere indolore fino a quando un evento non attiva i sintomi. Ci sono diversi sintomi che indicano che il dolore di una persona proviene dalle faccette articolari. Il dolore √® spesso un dolore diffuso e sordo nella parte bassa della schiena direttamente sopra la colonna vertebrale che pu√≤ diffondersi ai glutei. Nel collo pu√≤ essere sentito nelle spalle e nella parte posteriore del cranio.

Movimenti come piegarsi all’indietro o inclinarsi lateralmente verso l’articolazione interessata causeranno dolore. Stare in piedi o periodi di inattivit√† possono peggiorare il dolore. Attivit√† che tolgono il peso dall’articolazione come sedersi, sporgersi in avanti o cambiare posizione possono alleviare il dolore. I sintomi delle faccette articolari possono anche imitare il dolore di un’ernia del disco. Il dolore pu√≤ essere avvertito lungo le braccia o le gambe se si formano speroni ossei e premono sui nervi spinali. Il dolore pu√≤ essere cronico o manifestarsi in riacutizzazioni periodiche.

Quali sono le cause?

Invecchiando, la cartilagine delle nostre articolazioni si logora. Un infortunio, movimenti ripetitivi, obesit√†, cattiva postura e altre condizioni della colonna vertebrale che cambiano il modo in cui le articolazioni delle faccette si allineano e si muovono possono causare dolore.

I cambiamenti nelle faccette articolari possono iniziare con il deterioramento di un disco vertebrale. Quando il carico del peso corporeo si sposta sulla faccetta articolare, la cartilagine si rompe, lo spazio articolare si restringe e le ossa si sfregano insieme.

Chi è interessato?

La sindrome delle faccette articolari si verifica sia negli uomini che nelle donne. √ą pi√Ļ comune tra i 40 ei 70 anni e in quelli inclini all’artrite. Pu√≤ anche svilupparsi in persone che hanno subito una lesione alla colonna vertebrale.

Come viene fatta una diagnosi?

Il dolore alle faccette pu√≤ essere simile ad altre condizioni della colonna vertebrale. Una diagnosi accurata √® importante per determinare se la faccetta articolare √® la fonte del dolore. La valutazione include una storia medica e un esame fisico. Il medico prender√† in considerazione tutte le informazioni fornite, inclusa qualsiasi storia di infortunio, posizione del dolore e problemi a stare in piedi o dormire.

√ą possibile che ti venga chiesto di alzarti o di muoverti in diverse posizioni e indicare dove provi dolore. Il medico pu√≤ manipolare le articolazioni sulla colonna vertebrale.

Studi di imaging, come radiografia, TC o risonanza magnetica, possono essere ordinati per aiutare nella diagnosi e per verificare altri problemi correlati alla colonna vertebrale e all’anca.illustrazione dell'iniezione di faccetteFigura 3. Un’iniezione di faccette articolari √® una procedura minimamente invasiva che prevede l’iniezione di un corticosteroide e di un agente anestetizzante nell’articolazione dolorosa.

Un’iniezione diagnostica della faccetta articolare viene spesso eseguita per confermare la causa del dolore. La faccetta articolare viene iniettata con un anestetico locale e un farmaco corticosteroide (Fig. 3). L’iniezione viene eseguita mediante fluoroscopia a raggi X per garantire il posizionamento accurato dell’ago nella faccetta articolare. Il tuo livello di dolore viene valutato prima e 20-30 minuti dopo l’iniezione e monitorato nella settimana successiva. Il coinvolgimento delle faccette articolari √® confermato se il livello di dolore diminuisce di oltre il 75%. Se il livello di dolore non cambia dopo l’iniezione, √® improbabile che la faccetta articolare sia la causa del dolore.

Quali trattamenti sono disponibili?

Sebbene l’artrite delle faccette articolari non possa essere invertita, ci sono prove che l’esercizio fisico, i cambiamenti nello stile di vita e un’attenta gestione del mal di schiena possono contribuire a una migliore qualit√† della vita. Se le terapie conservative non riescono ad aiutarti a gestire e controllare il dolore, il medico pu√≤ raccomandare iniezioni, ablazioni o interventi chirurgici.

Cura di s√©: usare una postura corretta e mantenere la colonna vertebrale allineata sono cose importanti che puoi fare per prevenire episodi dolorosi. Potrebbe essere necessario modificare le abitudini quotidiane di stare in piedi, sedersi e dormire. Perdere peso pu√≤ ridurre il carico sulle faccette articolari e alleviare il dolore.

Fisioterapia. L’esercizio fisico √® molto utile per una faccetta articolare dolorosa e pu√≤ aiutarti a guarire pi√Ļ velocemente. I fisioterapisti possono istruirti sulle corrette tecniche di sollevamento e deambulazione e lavoreranno con te per rafforzare e allungare i muscoli della parte bassa della schiena, delle gambe e dell’addome (vedi Come affrontare il mal di schiena). Sebbene un fisioterapista possa mostrarti esercizi di rafforzamento e stretching, √® tua responsabilit√† seguirli.

Farmaci: alcuni pazienti possono richiedere farmaci antinfiammatori orali o cerotti topici, creme, pomate o tutori meccanici. A volte i rilassanti muscolari sono prescritti per gli spasmi muscolari.

Iniezioni di steroidi articolari : un’iniezione sulle  faccette articolari √® una procedura minimamente invasiva che prevede l’iniezione di un corticosteroide e di un agente anestetizzante nell’articolazione dolorosa (Fig. 3). Gli steroidi possono ridurre il gonfiore e l’infiammazione dei nervi. Il sollievo dal dolore pu√≤ durare da giorni ad anni, consentendo alle tue condizioni di migliorare con la terapia fisica e un programma di esercizi. Se si verifica una recidiva del dolore, la procedura pu√≤ essere ripetuta.L'anestetico viene iniettato lungo il nervo per bloccare il doloreFigura 4. L’anestetico viene iniettato lungo il nervo per “bloccare” il dolore.

Ablazione con radiofrequenza nervosa : se le iniezioni di steroidi alle articolazioni hanno successo ma il dolore si ripresenta frequentemente, pu√≤ essere raccomandata una procedura di ablazione per bruciare i piccoli nervi della capsula articolare. Innanzitutto,viene eseguito un test diagnostico del blocco nervoso per determinare quali nervi devono essere trattati. L’anestetico viene iniettato lungo il nervo per “bloccare” il dolore (Fig. 4). Se il blocco ha successo, √® probabile che un’ablazione con radiofrequenza fornisca un sollievo dal dolore pi√Ļ duraturo.Viene inserito un elettrodo e una corrente a radiofrequenza distrugge alcune delle fibre nervose del ramo mediale che trasportano segnali di dolore nell'articolazioneFigura 5. Una volta posizionato l’ago, viene inserito un elettrodo e una corrente a radiofrequenza distrugge alcune delle fibre nervose del ramo mediale che trasportano segnali di dolore nell’articolazione.

Una procedura di ablazione del nervo viene eseguita in modo simile ai blocchi nervosi. Una volta posizionato l’ago, viene inserito un elettrodo e una corrente a radiofrequenza distrugge alcune delle fibre nervose del ramo mediale che trasportano segnali di dolore nell’articolazione (Fig. 5). Il sollievo dal dolore pu√≤ durare da 9 mesi a pi√Ļ di 2 anni. √ą possibile che il nervo ricresca attraverso la lesione bruciata che √® stata creata.

Chirurgia: se tutti gli altri trattamenti non forniscono sollievo dal dolore, la chirurgia di fusione della colonna vertebrale pu√≤ essere un’opzione. Questo di solito si verifica quando vi √® compressione della radice nervosa da articolazioni delle faccette ingrandite, malattia degenerativa del disco o instabilit√† spinale.

Recupero e prevenzione

√ą importante ricordare che le iniezioni e le ablazioni a radiofrequenza possono aiutare i sintomi, ma non modificano la degenerazione sottostante della colonna vertebrale.

Lo stretching, il rafforzamento e l’esercizio cardiovascolare regolari possono rallentare il processo di degenerazione e ridurre lo stress alle faccette articolari migliorando la forza e le condizioni generali della schiena e riducendo l’infiammazione nel corpo.

Share with

Lascia un commento

Start typing and press Enter to search

Apri Chat
Ciao, come possiamo aiutarti?
Ciao, come possiamo aiutarti?